gli editoriali del direttore rubriche

Di Guida fatti furba, questo è il momento del Mennella

C’è un sindaco che non lucra sulla saluta dei bambini ed è quello di Lacco Ameno. L’altro, quello del comune maggiormente colpito dal sisma invece, pensa a come evitare di usufruire i fondi del Ministero adatti e studia come sprecare quelli comunali. A lato, abbiamo raccontato – con dovizia di particolari – il primo, vero, segno della ripresa di Lacco Ameno. Dopo il sisma, infatti, il primo vero intervento che ci riporta alla normalità è proprio l’inaugurazione della Scuola Media di Lacco Ameno. Bene, ma questo è il tempo che la preside dell’Istituto Comprensivo Mennella, la prof. Di Guida, inizi a fare sul serio e a darci credito. Ah, se lo avesse fatto lo scorso anno…
Ebbene, oggi la preside dell’Istituto Superiore Mennella, deve cogliere al volo la possibilità, unica, di poter entrare in una sede che gli consenta di ridurre, di molto, le difficoltà che, da sempre, la sua scuola soffre.
C’è l’urgenza che l’ex mercato di Lacco Ameno, quello che la Città Metropolitana ha ancora in possesso non venga riaffidato al comune, ma continui ad essere un plesso di scuole superiori. La Di Guida, infatti, deve pretendere che la Città Metropolitana annulli il contratto di fitto con l’inutilizzabile San Severino e destini, fin da subito, il plesso di Lacco Ameno (l’ex biennio del Liceo Ischia) quale sede del Mennella.
E lo deve fare ora, e subito, perché deve “sfruttare” l’emergenza Terremoto.
Il Liceo Ischia ha trovato un equilibrio interno e, con questa “scusa” si è liberato Lacco Ameno. Tra poco il Mattei tornerà a “casa”, in Via Principessa Margherita e allora Il Mennella deve subito occupare la “sede” vacante che è già della Città Metropolitana.
Il problemi dell’Ibsen di Casamicciola resti un problema di Castagna e della sua cattiva gestione politica e amministrativa. La Di Guida pensi al suo istituto e a chi le deve riconoscere un vero istituto. Con tutti i problemi che l’ex mercato di Lacco Ameno mostra è sempre meglio dei doppi turni al Telese o delle sede, poco moderne, di Forio.
E’ vero, c’è la promessa della struttura dell’attuale tribunale, ex Liceo Classico Scotti, ma siamo in Italia e prima che i lavori inizino (e non pensiamo ad una possibile consegna) passeranno molti, molti, anni. Siamo nella condizione di dover accettare l’uovo oggi. Non abbiamo il tempo della “cova”

6 Comments

Click here to post a comment

  • L’articolista non è ben informato o persegue gli interessi di altri!
    1- La sede di Casamicciola è nella disponibilità del Comune di Lacco Ameno e la Citta Metropolitana non la può “pretendere”, altrimenti la ridarebbe a chi la possedeva e cioè al Liceo.
    2- Il San Severino già non è più in affitto per la citta metropolitana.
    3- La sede dell’ex Liceo Classico è agibile per l’80% infatti è occupata dalla pretura. Quindi è agibile. Non si capirebbe perchè il comune la dichiari agibile per gli avvocati e non agibile per gli scolari. Sarà riconsegnata dal comune alla Citta Metropolitana appena la pretura tornerà nella propria sede al termine dei lavori che sono in corso e che il Sindaco farebbe bene a sollecitare, visto che la consegna è prevista al 31 dicembre.
    L’articolo spero in modo inconsapevole tende a ghettizzare ancora il Mennella, per privilegiare i liceali che evidentemente ambiscono all’ex liceo classico , mentre possono allargarsi nella stessa sede del polifunzionale. Non si capisce perchè oggi il Mennella dovrebbe accontentarsi del Mercato comunale adattato a biennio di Lacco Ameno e non dovrebbe “ambire” all’ex Liceo. Eppure l’anno scorso fu criticato dall’articolista perchè si accontentò del San Severino. Gli alunni del Mennella hanno la stessa dignità di quelli del Liceo. Oggi possono avere finalmente una sede degna, che con il completamento della zona attualmente inagibile gli garantirebbe anche spazi sifficienti ed una palestra, cosa che altri istituti hanno sempre avuto.
    In conclusione, o non è bene informato ( nel caso vada ad intervistare da buon cronista gli attori di questa vicenda e lasci in pace la Di Guida che può solo chiedere, non certo decidere) o tira la volata al Liceo…..

      • Certo. Tu invece il vero danno del giornalismo Isolano. Pronto solo a discriminare alunni e lavoratori solo perchè in contaddittorio col tuo pensiero, dall’alto dei tuoi “studi” che ti hanno consentito di scrivere sul “tuo” giornale!

          • Lui però ha una Laurea ed ha superato un concorso pubblico e perciò insegna al Mennella e può insegnare ovunque con un semplice trasferimento, e non sarai certo tu a poterne valutare il valore o le qualità a differenza tua che non sai scrivere e invece riempi le pagine del tuo giornale solo perchè l’hai ereditato e ti offendi solo perchè ti contraddicono invece di leggere cosa ti è stato scritto che potrebbe darti indicazioni sui prossimi articoli ovviamente verificando la fonte!

          • Un’altra prof del Mennella! Forse la stessa persona che scrive dallo stesso IP.
            Un’altra sciagura per tutti gli allievi del Mennella!