primopiano

De Angelis contro Maraniello, non facciamo questa guerra

La nuova “piazzina” degli Eroi, questa brutta che vuole Enzo con la complicità di Paolo prevede anche l’installazione di un’opera. Una statua per noi mortali, ma “installazione” per quelli acculturati. Ebbene, anche in questo, al comune stanno facendo una figura da quattro soldi con due artisti di chiara fama: l’ischitano di Piazza degli Eori, Giovanni de Angelis e il milanese, ma con Ischia nel cuore, Giuseppe Maraniello.
E’ tra i due, infatti, che l’amministrazione dovrebbe scegliere la “statua” da installare al centro (spostato) della nuova piazza degli Eori.
Per conoscenza, mia diretta, ho sempre saputo che Giovanni de Angelis avrebbe voluto installare una sua opera al centro della piazza. Un’opera che avrebbe raffigurato degli Eori e avrebbe dato un senso di fiore. Un’opera di dimensioni considerevoli e nascosta in lunghi steli di pietra. Un desiderio, questo del maestro che “studia” ad Ischia Ponte e che vive su “Salita San Pietro” che, però, si infrange sulle questioni economiche di Paolo ed Enzo Ferrandino.
Appena insediata Carolina Monti, l’assessore con un passato da gallerista, insieme con sindaco e con Gigi Di Vaia fanno visita al maestro de Angelis e concordano che il costo dell’opera era congruo ed essendo sotto soglia (sotto i 40mila euro) la possibilità di affidargli la realizzazione era possibile. Passano i mesi, i giorni e le settimane quando, invece, Enzo Ferrandino, chiede a Giorgio Brandi di poter mediare con Giuseppe Maraniello per affidargli la realizzazione di un’altra opera. Questa volta, il costo è minore. Il costo, in questo caso, dovrebbe essere intorno ai 20mila euro. E se quello di de Angelis era riferito al costo e alla lavorazione delle pietra, questo di Maraniello è relativo alla fusione dell’opera.
Così, da un lato ci sarebbero gli Eroi di de Angelis e dall’altro, invece, un doppio Minotauro che svetterebbe dalla costruenda fontana.
Chi vincerà? Giorgio Brandi o Carolina Monti? De Angelis o Maraniello?

Tags

2 Comments

Click here to post a comment

  • Se fossi il sindaco, al centro della piazza ci metterei una statua gigante di Giuseppino Taliercio, un figlio d’Ischia trucidato dalle Brigate Rosse e cambiarei il nome della piazza intitolandola appunto a LUI, eroe indiscusso con nome e cognome.
    In tantissimi posti d’Italia gli hanno dedicato strade, piazze ed opere mentre ad Ischia, paradossalmente, nessuno ci pensa.
    Sarebbe un vero peccato sprecare questa occasione!

  • Nel 1973 nella sua Ischia inizia a frequentare Renato Guttuso e Libero de Libero, infine nel 1994 decide di ritornare ad Ischia dove attualmente vive e lavora.

    Le sue mostre sono state ammirate in tutto il mondo, da segnalare, in particolare le mostre di Los Angeles, Milano, Locarno, Monaco di Baviera, Basilea, Bolzano, Colonia, Bruxelles, Parma, Parlamento europeo di Strasburgo e di Berlino.

    Negli anni, ha allestito svariate mostre anche nella sua isola natale, Ischia. Riceve nel 2018 una onorificenza dal sindaco di Ischia Enzo ferrandino per il significativo contributo alla crescita artistico-culturale del Comune di Ischia.
    (da wikipedia per Giovanni De Angelis) e abbiamo dei dubbi…..?
    E se a decidere fosse una consultzione popolare?