primopiano

Danni da sisma, i primi 5milioni alle imprese. Sulla base delle percentuali CISI

L’incapacità di gestire il pst terremoto si vede in tutti gli atti che le nostre amministrazioni e il governo centrale compie. Copiando la divisione delle percentuali con cui si compone il CISI, i comuni dell’isola hanno diviso i primi 5 milioni di ristoro che arriva alle imprese.
Come e perchè sia stato diviso così questa prima trance non è dato sapere, così come non è dato sapere che faranno gli sfollati del terremoto a 7 giorni dalla fine dello stato dell’emergenza. Ma i nostri sindaci, sfilano come salami, dinanzi all’ennesimo anzianotto del governo che dovrebbe garantire la ricostruzione. Siamo nelle peggiori mani possibili. Questa volta siamo inguiati sia per i rappresenti locali sia per quelli nazionali. Peggio che dalla padella alla brace.

IL COMUNICATO
Il 15 febbraio 2019, presso la Struttura Commissariale di Napoli, il Commissario ha incontrato i Sindaci dei Comuni dell’isola d’Ischia – Ischia, Casamicciola, Forio, Lacco Ameno Barano d’Ischia e Serrara Fontana –, per un esame congiunto dell’ordinanza in adozione a sostegno delle attività produttive danneggiate dagli eventi sismici del 21 agosto 2017 ed erogazione dei contributi alle imprese ai sensi dell’art. 36 del D.L. 109/2018, ordinanza in pubblicazione sul sito istituzionale del commissario commissarioricostruzioneischia.it e presso i Comuni stessi.
Destinatarie del provvedimento sono le imprese del settore turistico, dei servizi connessi, dei pubblici esercizi e del commercio e artigianato, nonché le imprese che svolgono attività agrituristica, provvedimento mirato a contribuire al rilascio l’immagine del territorio di Ischia sul piano turistico, economico e commerciale.
Il primo stanziamento è di complessivi € 5.000.000,00 così ripartiti:
a) Barano d’Ischia: € 500.000,00, pari al 10% delle risorse stanziate;
b) Ischia: € 1.750.000,00, pari al 35% delle risorse stanziate;
c) Serrara Fontana € 250.000,00, pari al 5% delle risorse stanziate;
d) Casamicciola Terme: € 750.000,00, pari al 15% delle risorse stanziate;
e) Forio: € 1.250.000,00, pari al 25% delle risorse stanziate;
f) Lacco Ameno: € 500.000,00, pari al 10% delle risorse stanziate.

A titolo facilitativo, il format di domanda per la concessione del contributo è annesso all’ordinanza. Un secondo provvedimento per lo stanziamento di ulteriori € 10.000.000,00 sarà emanato prossimamente a sostegno delle altre imprese danneggiate dal sisma, a qualunque settore di attività esse appartengano.

Tags

Add Comment

Click here to post a comment