gli editoriali del direttore primopiano rubriche

CorMUTI e mazziati

Gaetano Di Meglio | Certe volte, davvero, sembra che Ischia sia il centro del mondo. Siamo un paese bravo ad esportare anche assurdità politiche. E dopo il caularone con l’accordo PD con Forza Italia, ora siamo al “corMUTI e Mazziati”.
Passano i giorni, le infamie contro l’elettorato si moltiplicano, la compravendita di consiglieri comunali si consuma come un pasto freddo e i consiglieri comunali di Ischia fregati dall’azione del sindaco Enzo Ferrandino, stanno zitti.
C’è un mutismo e un’assuefazione a quello che è successo che mette in imbarazzo.
Siamo nel 2018, il mondo intero si muove a suon di tweet e post (che bello il Web. Che brutto il web!) e da noi il dibattito e le posizioni restano mute.
Il mutismo di Antonello Sorrentino e di Antonio Mazzella è abbastanza prevedibile e scontato. Entrambri non hanno nulla da dire. Né a sostegno delle loro scelte né in difesa di una maggioranza ormai sfilacciata.
Per i due ragazzi eletti un anno fa e neofiti della politica c’è stato una partenza falsa. Mentre gli altri correvano da soli, loro hanno preferito la spinta di Papà da un lato e della zia dall’altro bruciando, di fatto, la loro credibilità politica.
Mi piace far finta di non pensare che potesse tutto essere scritto ben prima dell’elezione. Faccio finta per fermare gli eventuali conati di vomito.
Ma se per i due newbie ne abbiamo dette di tutti i colori, mi chiedo e gli altri?
Carmen Criscuolo, Maurizio De Luise, Pasquale Balestrieri, Gianluca Trani? Nessuna reazione. Nessun commento, nessuna intervista, nessun post. Passa tutto nel silenzio più assoluto. Domenico De Siano e Giustina Mattera hanno “protestato” con un comunicato molto light.
E l’opposizione? E la critica? ZERO.
Siamo caduti in una fase politica dove non si argomenta di nulla. Dove non c’è nessun dibattito. Dove tutto, purtroppo, viene raccontato a cose fatte e con il senno di poi. La navetta Zizi, i possibili interventi al traffico, la depurazione mancata, la gestione dell’acqua alta sulla riva destra, le pinete, le pagliacciate propagandistiche del sindaco e dei suoi affini ma anche la gestione del contenzioso, le riforme sulla riscossione, il ruolo delle partecipate, la politica fiscale del nostro comune e ancora il suolo pubblico al pari dei permessi a costruire o delle autorizzazioni demaniali è tutto lasciato allo scorrere del tempo. Non c’è nessuna iniziativa che meriti dibattito e partecipazione. E se la maggioranza ha il “motivo” per stare zitta (deve gestire quasi di nascosto come è stato per Sant’Anna) è grave che quella che dovrebbe essere la nuova opposizione taccia in questo modo. Il silenzio rende complici.
Qualcuno dirà che Vivere Ischia ha diffuso un documento di sfiducia al sindaco tempo fa. Si, è vero, ma quel documento è datato prima della nuova giunta, delle dimissioni e dei nuovi innesti. Dopo c’è stato solo silenzio.

CorMUTI e mazziati.
Ma i veri mazziati, purtroppo, sono gli elettori del comune di Ischia. Questa crisi politica, che abbiamo analizzato sotto tutti i punti di vista, merita un’ultima chiosa finale. Soprattutto per mettere un punto fermo. Non c’è nessuna idea politica in quello che ha fatto Enzo Ferrandino. Il passaggio in maggioranza di Luigi Boccanfuso con la figlia e il gruppo dei Mazzella con Antonio tra le fila della maggioranza non ha nessun profilo politico comune. Da una parte l’invidia verso Giosi Ferrandino (quella di Enzo), dall’altro, invece, la ripicca verso Giosi Ferrandino (quella di Boccanfuso e Mazzella). E’ solo questo il collante che li ha messi insieme. Un collante, stupido, che non porterà a nulla di buono. Né nel breve periodo, né in quello lungo.

E i CorMUTI sono anche quelli di Enzo?
Enzo ha fatto entrare in maggioranza un consigliere comunale che alza una sola manina ma che deve sfamare almeno 3 bocche: la sua, quella di Luigi Boccanfuso e quella di Isidoro Di Meglio. Tre bocche che se avessero potuto azzannare Giosi Ferrandino lo avrebbero fatto volentieri. Ebbene, un prendi 1 e paghi 3 che già sta iniziando a dare i primi segnali. E anche tra quelli della maggioranza c’è il silenzio degli innocenti. Un po’ come quello di Ida De Maio e degli altri consiglieri che si trovano, oggi, a dover dividere la loro parte di elettorato con chi gli stava contro. Non hanno avuto nulla fino ad ora, se non poche cose, e ora si trovano stretti a dover concedere spazi e agibilità ai nuovi entrati. E anche da loro nessuna parola. Nessun commento. Nessuna spiegazione.
Capisco che questa gente esprime il nulla, ma una spiegazione i loro elettori la meriterebbero, no?
Cosa gli andate a dire alla gente che vi ha votato: “Dovevamo fare fuori Giosi Ferrandino?”. Un po’ deprimente noTra qualche settimana, credo, Enzo Ferrandino avrà un’altra occasione di propaganda con la fine dei lavori del parcheggio ex Jolly. Un’opera che ho sempre difeso e che, certamente, non sarò oggi, qui, a criticarla. Nei mesi scorsi, anche per rinfrescare la memoria al primo cittadino, avevo scritto che tutte le polemiche attorno a quest’opera era una semplice strumentalizzazione politica. Un mio articolo, addirittura, fa parte del fascicolo della difesa dell’Ente. Ebbene, oggi, il pericolo per le falde termali (che non c’era mai statao) da chi dovrebbe essere rivendicato e difeso? Da quell’Isidoro Di Meglio che oggi siede in maggioranza grazie ad Antonio Mazzella? Eppure sono trascorsi solo sette mesi.
Albergatori “Mazziati” dal comune in ogni sede giudiziaria (al pari dei vecchi gestori) che oggi, però, si metteranno in prima fila, affianco al sindaco, e diranno che il parcheggio di Via Alfredo De Luca serve all’isola, al traffico e alla vivibilità di tutta la zona. Tanto, ormai, dei vari ricorsi se ne è parlato mesi fa. Hanno impacchettato e portato a casa. Ora Enzo va bene. Ora Enzo non è più il nemico. CorMUTI e Mazziati. Parcheggiati in maggioranza.

Tags

2 Comments

Click here to post a comment

  • Caro direttore gli inglesi con 2 parole vengono a capo di tutti i discorsi delicati.Le 2 parole chiavi sono “please” e ” “sorry”.
    Ora parlare di “bocche da sfamare” è indubbiamente un discorso delicato e quindi è opportuno a queste 2 parole magiche.
    È opinione diffusa che negli ultimi 10 anni di politica ischitana,l’unico che è stato abile a sfamare alla grande la propria bocca sia stato Giosi Ferrandino Quindi non fare confusione
    please…….
    E visto che mi hai tirato inopinatamente in ballo, da parte mia la sfamo tra l’Asia e Boca Raton.
    Sorry………

  • Luigi, le tue azioni sono come macigni. Sostieni le vergogne gestionali più assurde in Ischia Ambiente e non parli. Il concorso dei vigili. Paolo e l’ufficio tecnico. Il suolo pubblico, la Genesis. Sorry, dillo agli ischitani che ora ti vedono seduto a “mangiare” insieme con quelli che si abbuffano delle briciole di Giosi. Di quelli che non hanno avuto il coraggio di andare via. Di quelli che, volendo, hanno atteso il Sindaco e gli hanno concesso di continuare a comandare.
    Please, spero che rinsavisci presto. My friend!