Società

Continua lo scambio di classi tra il “Mattei” e la Germania

Giunto al settimo anno il Gemellaggio tra il Liceo “L. Uhland” di Kirchheim e l’Istituto “E. Mattei” di Casamicciola. I ragazzi tedeschi accolti con entusiasmo dai loro coetanei ischitani. Sono rimasti meravigliati ed incantati dalle bellezze dell’isola d’Ischia e dal suo cibo

Rosario Starace | Dal 12 aprile al 19 aprile scorso si è rinnovato, per la settima volta, l’ormai tradizionale appuntamento con il gemellaggio per uno scambio culturale tra gli alunni dell’Istituto Tecnico “ E. Mattei” di Casamicciola Terme ed i loro coetanei del Liceo “Uhland-Gymnasium” di Kirchheim (comune tedesco, situato nel Land del Baden-Württemberg in Germania). Quest’evento ha rappresentato la seconda parte del Progetto di scambio di classi per l’a.s. 2017/2018 con la Germania in quanto, già lo scorso dicembre, gli studenti del “Mattei” sono stati ospitati a Kirchheim presso le famiglie dei loro partner tedeschi. L’iniziativa si ripete ormai da sette anni ed è promossa e voluta dal Dirigente Scolastico del “Mattei”, Prof. Antonio Siciliano. Hanno coordinato le attività le professoresse Lucia Iacono e Concetta Di Maso, coadiuvate dal DSGA, dai loro colleghi e dal personale ATA. Le famiglie ischitane, sempre collaborative e disponibili, hanno determinato anche quest’anno il successo dello scambio. Hanno preso parte a questa iniziativa 18 alunni del “Mattei” provenienti dall’indirizzo Amministrazione, Finanza e Marketing e 17 discenti del “L. Uhland-Gymnasium”.
Il programma dello scambio si è sviluppato attraverso una serie di attività ed iniziative di accoglienza volte a far sì che i ragazzi tedeschi e le docenti accompagnatrici, prof.ssa Isabel Hahn-Thomé e Claudia Zeller-Sauter, accompagnati dai loro amici ischitani, potessero conoscere non solo le bellezze dell’isola d’Ischia, ma anche alcune della Regione Campania.
La settimana di soggiorno ad Ischia è stata ricca di appuntamenti ed attività, nonostante i disagi causati dal terremoto dello scorso 21 agosto. Infatti, nella sede di Lacco Ameno che attualmente accoglie metà Istituto, si è svolta una giornata di accoglienza non solo tra i partecipanti allo scambio, ma anche con le classi prime.
Anche i pomeriggi sono stati intensi: visita al Parco Termale “Poseidon”, ai Giardini “La Mortella” di Forio, alla spiaggia dei Maronti, dove i ragazzi hanno potuto assistere al fenomeno tipicamente vulcanico delle “Fumarole” ed al Castello Aragonese ad Ischia Ponte..
Tra le escursioni al di fuori dell’isola, degne di nota sono state la visita di Procida e quella degli scavi di Pompei. Di Procida hanno apprezzato l’abbazia di S. Michele e il pittoresco porto della Chiaiolella, anche se il momento più divertente è stato quello di scoprire autonomamente gli aspetti più significativi dell’isola tramite interviste ai passanti. Gli occhi tedeschi si sono riempiti di meraviglia, invece, nel rivivere la quotidianità dell’antica Pompei grazie a una guida tedesca di eccezione, nel calpestare il suolo su cui hanno passeggiato i nostri antenati e nell’immaginarsi il dramma vissuto con l’esplosione del Vesuvio del 79 d.C.
Emozionante, infine, è stato l’incontro conviviale al Ristorante “La Pietra” a cui hanno partecipato il Dirigente Scolastico, gli allievi, i docenti e i genitori per il saluto finale. Il clima è stato allegro ed amichevole; il Dirigente ha tenuto un commovente discorso in cui ha sottolineato la sua gioia nel veder realizzato lo spirito dell’Erasmus e l’importanza di questi scambi culturali al fine di contribuire alla costruzione di un’Europa sempre più unita. Anche il Dirigente Scolastico tedesco, prof. Braun, ha tenuto a mandare un messaggio di saluto tramite la prof.ssa Hahn-Thomè nel quale ribadiva la sua vicinanza alla popolazione ischitana così duramente colpita. Infine, la prof.ssa Zeller-Sauter ha commosso tutti declamando un estratto delle “Unterhaltungen deutscher Ausgewanderten” di Goethe (1795) il cui messaggio cardine vede il concetto di “dialogo” come unico mezzo tramite il quale costruire solidi rapporti tra gli uomini.

Add Comment

Click here to post a comment