primopiano

Casamicciola, questa “mezza dozzina” di assunzioni sismiche

A quatto mesi dal voto: sei posti fissi fanno gola a tutti i politici termali...

Ida Trofa | Torna in auge un vecchio pallino assunzionale del sindaco Giovan Battista Castagna. I bandi,l a meno di quattro mesi dalle elezioni, per il rinnovo delle cariche amministrative nel comune di Casamicciola Terme. E’ il terremoto a dare la spinta giunta alle nuove assunzioni sismiche casamicciolesi mentre Lacco Ameno ha già provveduto.
Il 2 gennaio scorso, gli inquilini del Capricho hanno varato due avvisi pubblici per la selezione e la individuazione di 6 unità lavorative: tre presso l’area tecnica e tre presso l’area tributaria.
Il primo avviso è stato pubblicato dal responsabile del settore urbanistico, architetto Mariagrazia Formisano. I tre fortunati vincitori otterranno l’incarico a tempo pieno (36 ore) e determinato. Idem per il settore tributario. E’ stato il dottor Aniello Carcaterra a predisporre l’identikit dei neo assunti.
Gli aspiranti candidati dovranno far pervenire, a pena di esclusione, la domanda entro e non oltre le ore 12.00 del giorno 12 gennaio 2019 presso l’Ufficio Protocollo del Comune di Casamicciola Terme – Piazza Marina. La domanda, da redigersi in carta semplice secondo lo schema allegato all’avviso scaricabile dall’albo pretorio on line, dovrà essere sottoscritta, indirizzata al Comune di Casamicciola Terme e dovrà essere inserita in busta chiusa.
L’esame preventivo dei titoli da parte del Responsabile di settore verrà effettuata sulla scorta delle informazioni desumibili dal curriculum redatto e sottoscritto dai candidati a corredo della domanda di ammissione su modello conforme all’allegato del bando. I candidati ritenuti in possesso di titoli idonei, saranno ammessi ad un colloquio individuale alla presenza del Sindaco e del Segretario comunale, finalizzato all’accertamento del possesso delle competenze tecnico/professionali e motivazionali nonché su temi più generali che coinvolgono la figura professionale di specifico inquadramento negli Enti Locali.
L’incarico sarà conferito dal Sindaco con proprio decreto e dal medesimo potrà essere revocato, per i motivi e con le modalità fissate dal CCNL del comparto Enti locali e del Regolamento sull’Ordinamento degli Uffici e dei Servizi. La revoca dell’incarico comporterà la risoluzione di diritto del contratto di lavoro. Gli effetti del decreto sono comunque subordinati alla stipula del contratto. Il soggetto destinatario dell’incarico sottoscriverà il contratti di lavoro a tempo determinato e tempo pieno (36 ore settimanali di servizio). Ogni incaricato sarà inquadrato nella categoria “D ”, profilo professionale “Istruttore Direttivo”.

Assunzioni garantite dall’emergenza in ossequio alla legge di stabilità e alla norma sulla ricostruzione
In entrambi i casi è ancora l’ evento sismico che ha interessato in modo considerevole tutto il territorio comunale a dare il lascia passare giusto. Paga il terremoto fino al termine dell’emergenza. La situazione emergenziale manifestatasi ed ancora in atto, per intensità ed estensione, richiede di essere fronteggiata con mezzi e poteri straordinari in deroga alla vigente normativa. Questa è l’antitesi di un provvedimento che consentirà al comune di Casamicciola sei assunzioni. Assunzioni garantite dall’emergenza in ossequio alla legge di stabilità e alla norma sulla ricostruzione.E per questo oltre alle assunzioni sismiche l’auspico è che il Consiglio dei Ministri su giusto input magari del governatore Vincenzo De Luca proroghi la dichiarazione dello stato d’Emergenza.
Il D.L. n. 109/2018 convertito, con modificazioni, in Legge n. 130/2018; la legge sulle urgenze italiche che ingloba anche la ricostruzione di Ischia ha infatti previsto come stabilito con la precedente legge di stabilità 2018 (legge n. 205 del 27.12.2017) all’art.1 comma 752 che si assuma nei comuni del Cratere Isolano “Per assicurare la funzionalità degli uffici impegnati nelle attivita’ connesse alla ricostruzione, i comuni di Lacco Ameno e di Casamicciola Terme possono assumere personale rispettivamente nel limite di 4 e 6 unità, con contratti di lavoro a tempo determinato della durata non superiore a quella della vigenza dello stato di emergenza e comunque nei limiti temporali di cui all’articolo 19 del decreto legislativo 15 giugno 2015, n. 81, in deroga ai vincoli assunzionali di cui all’articolo 9, comma 28, del decreto-legge 31 maggio 2010, n. 78, convertito, con modificazioni, dalla legge 30 luglio 2010, n. 122, e di cui all’articolo 1, comma 557, della legge 27 dicembre 2006, n. 296, nonché in deroga all’articolo 259, comma 6, del testo unico di cui al decreto legislativo 18 agosto 2000, n. 267. Agli oneri derivanti dal presente comma, pari a euro 353.600,00 si provvede a valere sul Fondo di cui al comma 765 per la successiva assegnazione ai comuni di cui al primo periodo”.
Insomma l’emergenza di Giuseppe Grimaldi serve anche ai comuni per assumere, per sfruttare i fondi MIUR per recuperare in emergenza le chiese. E’ il commissario delegato ad avere i poteri oltre le somme e a contabilità speciale che altrimenti non potrebbero sfruttarsi, mentre la ricostruzione resta altra cosa, una cosa affidata al commissario straordinario Carlo Schilardi.
Parte cosi l’operazione assunzioni. Parte da quel maledetto 21 agosto 2917 e da quanto il governo centrale, la protezione civile e la regione Campania hanno riservato con l’emergenza sisma al territorio. Emergenza in atto ma solo fino al 24 febbraio e salvo proroghe.

 

Tags

Add Comment

Click here to post a comment