class="post-template-default single single-post postid-172125 single-format-gallery elementor-default">
primopiano

Cade intonaco dal soffitto: ferita gravemente una turista

Ida Trofa | Mancavano poche ore alla fine della vacanza e, proprio quando tutto pareva volgere al meglio, è arrivato il classico imprevisto.
Una donna è stata colpita da un pezzo di intonaco caduto dal soffitto, ferendosi seriamente e riportando un pesante trauma cranico e problemi agli occhi. L’episodio è successo sabato notte a Forio. Vittima dell’incidente una donna napoletana in vacanza sull’isola verde. La donna era nel pieno del sonno, quando, all’improvviso, un grosso pezzo di intonaco si è staccato dal soffitto colpendola sul capo. Accanto a lei sua figlia rimasta miracolosamente illesa.
Mai epilogo peggiore e disatteso poteva capitare a madre e figlia, giunte ad Ischia per un breve soggiorno presso l’Hotel Punta del Sole dell’arcinota famiglia Castiglione e pronte a rientrare a casa con i colori e le immagini dell’isola impresse negli occhi, costrette, di converso, ad un rientro agrodolce. Dopo aver patito un grosso shock ed un ricovero in ospedale. Cosa non di poco conto per una donna che ha vissuto il dramma del terremoto del 1980 in Campania.
“Sembrava proprio la scena di un terremoto, c’erano calcinacci ovunque. Abbiamo avuto una paura incredibile. Ed ora sapendo di dovere rientrare in hotel temiamo per la nostra incolumità” ha dichiarato la ragazza, scampata al colpo, commentando l’accaduto in attesa di conoscere gli esiti delle visite e della TAC a sua madre colpita in pieno mentre le dormiva a lato. Un avvenimento e sopratutto una vacanza non proprio paradisiaca che ricorderanno a lungo.
Nel pieno del sonno, entrambe le donne sono state risvegliate da un tonfo sordo. Un risveglio affatto piacevole anzi dolorosissimo, seguito da una immagine quasi infernale. Riaperti gli occhi era quasi impossibile vedere, tutto intorno, infatti, era una nube densa di polvere e calcinacci aveva avvolto la stanza. Al grido de “il terremoto!” le due donne sono scappare via dal letto e dalla stanza. Nessun terremoto però, anzi, ma per chi era ormai addormentato da un bel po’ non c’era modo di distinguere. Al contrario, il pezzo di soffitto staccatosi era finito dritto in testa all’anziana donna, dopo essere precipitato proprio sulla testiera ed i cuscini su lato sinistro del giaciglio dove le donne dormivano placidamente. Ad avere la peggio l’anziana donna trasportata con una motoretta del servizio Taxi presso il Pronto Soccorso dell’Ospedale Rizzoli per la botta subita. Nessun chiamata al 118 per la sfortunata turista, ma una ricovero autonomo. Presso il nosocomio lacchese i sanitari a seguito della indagini mediche, la TAC e le visite di rito, riscontravano un trauma cranico con la presenza di micro polveri negli occhi. Sottoposta alle cure del caso la donna è stata giudicata guaribile in pochi giorni. Pesantemente traumatizzata e livida, la paziente, comprensibilmente spaventata, dimessa dalla struttura ospedaliera ha avuto non poche remore e timori nel rientrare in hotel. C’è voluto molto tatto e tante rassicurazioni da parte di sua figlia prima di riuscire a convincerla che null’altro di male o di pericoloso le sarebbe accaduto. Nel merito dell’accaduto le donne hanno sporto formale denuncia ai Carabinieri intervenuti per i controlli di routine presso il pronto soccorso del presidio sanitario.
Sulla vicenda è stato aperto un fascicolo. Indagano gli uomini dell’arma agli ordini del Capitano Andrea Centrella.
Un compito non proprio arduo, ma neppure semplicissimo.
Di certo un evento imponderabile, che restituisce una immagine turistica pessima.
Una esperienza bruttissima che lascia l’amaro in bocca alle nostre ospiti rimaste alquanto dispiaciute dalla freddezza con cui sono state trattare in hotel e dalla scarsa sensibilità di chi, dopo il colpo subito e lo spavento, è stato lasciato a se stesso, da solo alla mercé degli eventi senza alcuna assistenza.
Un soggiorno foriano di certo indimenticabile, assolutamente da non ripetersi.

 

2 Comments

2 Comments

  1. Aldo

    Lug 17, 2017 at 17:34

    Speriamo che il magistrato effettui un controllo serio e non si limiti alla stanza. La mancanza di controlli è veramente il male Italiano…. ma almeno quando si verifica un sinistro, verificate!

  2. Vincenzo B

    Lug 18, 2017 at 18:13

    Così si uccide il turismo…. Che vergogna!

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

To Top