primopiano

Barano, arriva lo stop alla circolazione in centro dei “mega bus”

Lunghe code di auto, lamiere sempre più roventi in questa calda estate arrivata d’improvviso, viabilità congestionata e vivibilità ridotta ai minimi: il comune di Barano, ha deciso di porre un freno a tutto ciò vietando, l’accesso agli autobus di grandi dimensioni.
Una scelta dettata dalla volontà, oltre che di garantire un adeguato tasso di vivibilità ai residenti e turisti, anche dalla necessità di preservare il centro del comune baranese, antico e di inestimabile valore storico.
L’ordinanza, quindi, prevede il divieto di transito e la circolazione degli automezzi e autobus la cui lunghezza superi gli 8,00 metri e abbiano un peso superiore a 17,5 tonnellate, in entrambi i sensi di marcia, lungo via V. Emanuele e via A. Migliaccio, in pratica dall’incrocio con via Pendio del Gelso all’intersezione con via Toccaneto.
Nessun divieto di transito, ovviamente, per gli autobus di linea della EAV bus che garantiranno, come sempre i collegamenti su gomma tra le frazioni del comune e i comuni limitrofi, gli automezzi della Barano Multiservizi per garantire la raccolta dei rifiuti, i mezzi del pronto soccorso e delle forze di polizia.

Tags

8 Comments

Click here to post a comment

  • A me sembra un modo per non fa fare il giro del isola ai megabus con aria condizionata. Meglio fara campare tanti micro tassisti del isola che aspettano 10 mesi a l anno per dei poveri fessi da spolpare. Poi vista la folla di turisti che gia ce’ A barano forse è un bene.

    • Con i prezzi che chiedono, i taxi avranno poco vantaggio. Abbiamo un turismo che – purtroppo – ha il soldo contato in tasca e il giro dell’isola compreso.
      Ma intanto ci dispiace dover tagliare proprio il comune di Barano dal percorso. Chi gli fa vedere ora dove si va a Nitrodi, dove sono altri sentieri e chi gli spiega paracine e case nella pietra? E la spiaggia dei Maronti? Sì, da S. Angelo si vede ma da sopra come glielo spieghiamo il percorso? Come fai poi a spiegare dove si trova Fontana e i sentieri per l’Epomeo? Tutte cose che in un momento successivo del classico giro porterebbero soldi ai comuni collinari ma forse non ne hanno bisogno. Auguri.

      • Cara Brigida, esistono i pulmini più piccoli e non quei bisonti della strada che bloccano la strada ogni 500 metri.

        • Verissimo. Ma allora invece di relativamente pochi “mega”bus circoleranno tantissimi “mini” e vedrai che sarà pure peggio. Gli autisti intanto sono professionisti, sia quelli privati che quelli di linea che sanno bene come muoversi (l’98%). Bloccano molto di più gli automobilisti che si impallano e quelli parcheggiati in curve strette. Guardare a Buonopane dalla Piazza in su fino e oltre la maiolica della N’Drezzata a sinistra (a salire). Ma ok, vedrete che colonna di minibus ci sarà poi e ne riparliamo.

          • Concordo con te…bisogna combattere anche la sosta selvaggia che a Barano regna sovrana. Ma in primis ci sono gli autobus turistici che a volta a gruppi di 2-3 formano un serpentone assurdo

  • Caro sindaco e adesso fai rimuovere tutte le auto con sosta selvaggia e uno schifo completa strafottenza di tutte le forze del ordine del comune di barano

    • Grazie! Perchè se ne accorgeranno che non sono (solo) i bus che congestionano ma soprattutto le auto parcheggiate e che se ne infischia del codice della strada.

  • Adesso bisogna vedere se faranno rispettare l’ordinanza o è la solita coltre di fumo negli occhi. Iniziate a emettere multe salate a chi transige e vedrete che dopo un pò capiranno la lezione… per gli interessi di pochi non può rimetterci l’intera comunità. Prima del “ponte” di Buonopane c’è un cartello visibilissimo che vieta la circolazione ai bus turistici, e sia le autorità che in quel di Barano hanno la caserma che i politici e vigili del comune di Barano fanno finta di non vedere.