primopiano

Ambiente, arriva la piattaforma “Open Data” della Regione Campania

Presente all'incontro presso la Regione Campania l'assessore di Forio, Luigi Patalano


Gli “Open Data” per rendere sempre più partecipi i cittadini e interconnesse le amministrazioni comunali. Ecco il principio alla base degli incontri tematici svolti presso l’Auditorium Multimediale del Consiglio regionale e organizzati dalla Commissione Speciale “Terra dei Fuochi, bonifiche, ecomafie” del Consiglio regionale della Campania, presieduta da Gianpiero Zinzi.

Presente all’incontro esplicativo delle metodologie derivanti dall’applicazione del progetto ‘Open Data’ alle tematiche ambientali vi era l’ass. Luigi Patalano il quale, oltre a rappresentare il Comune di Forio, era stato delegato anche dai comuni di Barano, Ischia, Lacco Ameno e Serrara Fontana.

“Applicare gli Open Data attraverso la creazione di un database aggiornato da un rappresentate per ogni singola amministrazione – dichiara l’assessore Patalano – è un ottimo modo per incentivare una raccolta di informazioni molto utili e da mettere in rete per un completo monitoraggio dei territori. Anzi, l’aumento del grado di informazione ha come conseguenza diretta anche quella di comprendere i punti deboli da migliorare.

Durante l’incontro- continua l’assessore – sono stati illustrati i vantaggi del mettere in rete e a sistema le informazioni, cosa che permette anche una più efficiente proporzionalità dei finanziamenti regionali e nazionali mirati per le problematiche ambientali che affliggono anche i nostri territori.”“Si tratta di un’iniziativa unica nel suo genere – ha spiegato il presidente della Commissione, Gianpiero Zinzi – che mette al servizio di tutti Comuni della Campania gli strumenti forniti dall’Open Data della nostra Commissione, nuove metodologie per affrontare le emergenze ambientali raccogliendo dati utili e rendendoli trasparenti.”

Al termine dell’incontro ai rappresentati delle amministrazioni comunali coinvolte sono stati consegnati alcuni fac-simile dei questionari che troveranno, poi, online a cadenza regolare.

“L’iniziativa è molto interessante e valida – conclude Patalano – uno strumento utilissimo per poter implementare i canali di comunicazione tra i diversi livelli delle Istituzioni e mappare al meglio il territorio per permettere interventi sempre più mirati ed efficaci.”Il database, ad accesso gratuito, sarà a disposizione delle Istituzioni e dei cittadini, in ottica sempre più “open” ed accessibile.

Tags

Add Comment

Click here to post a comment