4ward primopiano rubriche

Albergatori, sindaci e piani vari, la solita tiritera

Ho perso l’ennesima mattinata ad ascoltare le solite, sciocche, argomentazioni dei cosiddetti addetti ai lavori. Calati in un loop eterno sembra che Ischia non riesca proprio ad uscirne fuori.

Francesco Del Deo, nel suo intervento, ricorda a Peppino Di Costanzo le loro inutili riunioni nell’associazione al pari di quella attuale. E, come poi ha giustamente replicato Di Costanzo, se dopo 40 anni si fanno ancora riunioni inutili e l’unica differenza è la miseria che tocca i protagonisti, allora il danno è ancora più grande di quello che pensiamo.

Mi ero ripromesso di non scrivere sull’argomento ma credo che un piccolo contributo alla vicenda vada dato.

Gigiotto Rispoli, saggio, nel suo intervento ha ben illustrato come la “lista della spesa” di 20 punti sia troppo lunga. La verità è che l’approccio alla super condivisione e alla piattaforma allargata (concetto, giustamente, stigmatizzato anche da Enzo Ferrandino) è sbagliato. Mi piacerebbe che Federalberghi iniziasse ad essere pungono sulle problematiche al dettaglio dell’isola e la smettesse di comportarsi da cash & carry. Questo modo di fare (e la mia non è una critica a Luca D’Ambra, ma un contributo alla discussione che, se avessi avuto parola, avrei dato ai presenti) è l’alibi che rende “innocente” la nostra classe dirigente. Bisogna affrontarli problema su problema, delibera su delibera, scelta su scelta. Non possiamo più lasciargli la via d’uscita. Bisogna metterli nell’angolo e su questioni “misurabili”. Traffico? Depurazione? Programmazione? Promozione? Ambiente? Infrastrutture? Energia? Basta con il “caularone” dei problemi. Che ben venga, invece, un pressing costante, pubblico e coerente con una linea d’azione e di principio. Con richieste spot e interventi su misura. Luca, non costruire più l’alibi che serve ai sindaci per dirsi innocenti.

Tags

1 Comment

Click here to post a comment

  • Nei punti sa se hanno messo “PAGARE I DIPENDENTI”? ho perso 4000 euro fanno riunioni ma alla fine nulla cambia anzi emigriamo….