rubriche

Agosto se ne é andato trascinandosi anche MAMMA

La strada maestra di Luigi Boccanfuso

Agosto se ne é andato ed ha trascinato via anche la mia mamma che é passata a migliore vita proprio l’ultimo giorno del mese di agosto.
Grazie mamma per avermi insegnato tre valori importantissimi della vita che sono la gratitudine, la rettitudine e l’umiltá. Quest’ultima ha trionfato anche nelle 36 ore dopo il tuo ultimo sospiro e come da te auspicato e disposto ti ha accompagnato insieme ai tuoi cari ed a tante persone amiche lungo tutto il tuo ultimo viaggio.
AGOSTO non ha trascinato via solo la mia mamma ma anche migliaia di autovetture e mezzi a due ruote che miracolosamente… si erano imbarcati durante tutto il corso dell’estate, nei porti di Napoli e di Pozzuoli per poi sbarcare nell’assoluta indifferenza a Ischia e/o Casamicciola in dispregio del divieto di imbarco, sbarco e circolazione che ogni anno emana il ministero competente.
Queste vetture insieme a tutte quelle degli ischitani (troppe), in assenza di qualsivoglia iniziativa dei sindaci di Ischia in materia di razionalizzazione del territorio, hanno reso le strade ischitane simili a quelle del peggiore hinterland metropolitano.
Per percorrere la statale da Forio ad Ischia e/o viceversa si impiegavano anche 2 ore, rischiando incidenti seri a causa dell’intollerabile disordine che scaturiva dall’anarchia e della ingiustificabile mancanza di iniziative da parte delle varie amministrazioni locali.
E così quella nicchia di turismo di qualitá che ha scelto Ischia per la prima volta e/o per affezione, si è ritrovata sommersa da lamiere in movimento, smog, rumori assordanti e disordine generale, nonchè molto “disorientata” per il gran numero di criminali individuati ed espulsi da Polizia e Carabinieri nel silenzio assordante delle inutili Amministrazioni locali.
Ci fosse stato un solo sindaco a dire e/o fare qualcosa difronte a tale declino della nostra immagine turistica oramai meta preferita di troppi TAMARRI.
Eppure basterebbe recepire qualche messaggio che ci viene dall’Europa più emancipata per capire che c’è sete di migliorare la qualitá della vita e più precisamente basterebbe prendere esempio dalla Germania dove “tutti si possono godere la serenità garantita dalle riforme avviate nello scorso decennio che assicurano tanto benessere alla base del quale c’è l’attenzione a uno stile di vita più sano,di cui sono simboli la diminuzione del consumo di benzina legato all’aumento dell’uso dei mezzi pubblici”.
Ma se non vogliamo guardare lontano, basterebbe guardare difronte a noi l’isola di Procida dove il nuovo sindaco è impegnato nell’adozione di numerosi provvedimenti sperimentali per abbattere il traffico e rendere il territorio più vivibile soprattutto durante la stagione turistica.
Bravo il sindaco di Procida e bravi quei suoi conterranei che lo stanno incoraggiando a non cedere alle solite pressioni di retroguardia ma piuttosto a “portare avanti il tentativo di rendere Procida un’isola vivibile attraverso scelte di mobilitá non impattanti ed a continuare sulla strada virtuosa della pedonalizzazione,incentivando il trasporto pubblico locale ecologico”
Tutto questo accade a Procida, invece ad Ischia questa estate il sindaco è piombato in un “vergognoso”… letargo, mentre preferisco stendere un velo pietoso sull’inadeguatezza disarmante dell’assessore al ramo, altrimenti il mio amico Gesuè si lamenta che “c’è l’ho con Lui”…
In questa settimana di lutto mi sia consentito di fare un fioretto,il piccone lo riprenderò a partire da domenica prossima…

2 Comments

Click here to post a comment

  • la Mamma esprime sempre concetti pregnanti di valori che non cessano con la Sua morte e bene ha fatto l’avv. Luigi Boccanfuso ha richiamare, in uno al dolore che ha profondamente colpito la Sua persona e la Sua famiglia, la necessità di dare voce ed affermazione ad un futuro di valori, tra i quali la vivibilità di un territorio, che possono rendere più semplice, vivibile e salutare la nostra esistenza. E’ una battaglia politica a cui è giusto che ciascuno dia un proprio sostegno per un’isola che complessivamente sta vivendo e scrivendo solo pagine solo buie

  • Condoglianzeper la mamma ….purtroppo ha centrato il vero orrore chiamato isola di ischia ….cio dovuto anche a noi cittadini che non abbiamo abbastanza coglioni da rovesciare questo stato di cose a partire dalla politica sporca corrotta e clientelkstica…vergognamoci tutti …