primopiano

A Ischia l’unità mobile dell’AVIS davanti all’ospedale Rizzoli

Una raccolta di sangue straordinaria in un luogo di vacanza per fronteggiare “l’emergenza carenza di sangue” che sta affliggendo la Campania da molti mesi e che si è accentuata ancora di più in queste settimane estive. In questo consiste l’iniziativa che ASL Napoli 2 Nord, Ospedale Cardarelli, Avis e FIDAS realizzeranno domenica prossima 26 agosto dalle 8.00 alle 13.00, utilizzando l’ambulatorio mobile dell’AVIS collocato nell’area antistante l’ingresso dell’ospedale Rizzoli di Lacco Ameno.

L’attività coordinata dal Direttore del Servizio di Immunoematologia e Medicina Trasfusionale del Cardarelli, Michele Vacca è stata fortemente voluta da tutti gli attori in campo, a seguito di una riunione di emergenza tenutasi lo scorso 16 agosto presso il Cardarelli, per far fronte alla grave situazione in cui ci si è venuti a trovare.

Dice il dottor Gino Svanera, Referente aziendale della medicina trasfusionale dell’ASL Napoli 2 Nord “Per un adulto in buona salute in età compresa tra i 18 e i 65 anni donare il sangue periodicamente è un’occasione ideale per verificare il proprio stato e compiere in pochi minuti un gesto di estrema generosità. Ricordiamo che non esiste un prodotto sostitutivo del sangue umano e che sia nella gestione delle emergenze sanitarie dovute a incidenti o particolari malattie, sia nella gestione ordinaria di alcune patologie, sia per l’effettuazione di alcuni interventi è indispensabile disporre di sacche di sangue. Per questo rinnovo l’invito a diventare donatori, contattando il centro raccolta sangue più vicino a sé o approfittando della presenza dei centri mobili. A Ischia, sono certo, avremo una grande risposta da parte degli isolani”.

Lo stesso dottor Vacca nella comunicazione inviata all’ospedale Rizzoli nel sottolineare l’importanza della giornata evidenzia come l’isola di Ischia abbia “una luminosa tradizione di donazione”. L’iniziativa di domenica ad Ischia punta ad inaugurare una nuova stagione della raccolta sangue sull’isola che ad oggi risulta sospesa da circa tre anni a seguito di precedenti problematiche organizzative. ​

Tags

Add Comment

Click here to post a comment